Portale della Comunità Montana Appennino Modena EstPortale della Comunità Montana Appennino Modena Est
Istituto per i beni artistici, culturali, ambientali - Regione Emilia-Romagna
 
Ecomusei
Parco faunistico di Festà
   
Itinerari
Itinerario A
SISTEMA DEL CASTAGNO
Itinerario B
SISTEMA DELL'ARTE E DELLA DEVOZIONE DAL ROMANICO AL 700
Itinerario C
CASTELLI E BORGHI
Itinerario D
VILLE CORTI E TORRI COLOMBAIE
Itinerario E
SISTEMA DELLA NATURA E DELL'ACQUA
CONSULTA LA MAPPA

Link
Sentieri
IBC
La città del Castagno
La Strada dei Vini e dei Sapori
Linea Gotica
PromAppennino
Sistema Museale Modenese

Mappa
Dove acquistare la mappa dettagliata degli itinerari

Introduzione
Sassi di Roccamalatina
Il nostro territorio, pur con le innumerevoli differenze geomorfologiche e storiche che lo contraddistinguono, presenta una caratteristica importante, degna di nota che accomuna tutte le vallate, i borghi, le strade: tutto fa parte di un grande museo all'aria aperta i cui confini non si fermano però con quelli della Comunità Montana stessa.

Certo, qui noi parleremo di Guiglia, Marano sul Panaro, Zocca e Montese, però tanti sono gli invisibili lacci che ci riportano da una parte verso la pianura Modenese, dall'altra verso le zone di crinale del Bolognese e i monti del Frignano. Non tralasceremo di sicuro di considerare anche questi legami e, chissà, un giorno, il nostro museo potrà diventare sempre più grande, allargando i propri confini, ed i nostri itinerari potranno intrecciarsi con altri.

Vogliamo superare il campanilismo e la "gelosia" nel senso di isolamento, di chiusura. La gelosia per i nostri territori è solo l'orgoglio di appartenervi e la voglia di farne dei piccoli gioielli da mostrare a tutti quelli che vorranno prendere parte al nostro viaggio, o meglio ai nostri viaggi, visto che gli itinerari possibili, quelli che abbiamo chiamato sistemi, possono essere molti di più di quelli da noi scelti. Infatti abbiamo dovuto operare delle scelte per individuare le tappe e le mete che il visitatore deve assolutamente avere, per non disperdere le energie e la propria curiosità in un mare troppo vasto. Nondimeno si scoprirà che, nel percorrere la strada che separa due dei punti segnalati con qualsiasi mezzo, anche a piedi, il visitatore incontrerà altre mille cose da vedere, non solo artistiche o storiche o naturalistiche: anche l'incontro con la gente del luogo offrirà spunto di riflessione e porterà alla luce brani di memoria storica in un volto, in un gesto, in una parola magari pronunciata in una strana inflessione dialettale. Certo, bisogna lasciarsi rapire dal fascino di un'atmosfera che solo qui si respira.

Non vogliamo con questo essere vanitosi: affermiamo soltanto che ogni cantuccio del nostro pianeta ha un'aria un po' di aria diversa da qualsiasi altro al mondo, un profumo, una luce che non si trova in nessun altro luogo. Vogliamo pertanto far conoscere quest'aria a chi viene da lontano ed anche farla di nuovo assaporare a chi qui c'è sempre stato ma che ormai da tanto, preso da tante cose, non ne gusta più il sapore.


E-mail Credits